Prossimità e ulteriorità
Una ricerca ontologica per una filosofia prima

Special Price €6,80

Prezzo Pieno: €8,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2009, pp 112
Rubbettino Editore, Filosofia e Religione, Storia della filosofia occidentale
isbn: 9788849822663
La filosofia contemporanea, in rilevante misura, avverte la mancanza di fondamento, naturale conseguenza dell'abbandono di una visione sistematica della realtà e della stessa esistenza umana. Il quadro metafisico della tradizione classica e moderna sembra disarticolarsi e dissolversi. Il presente saggio propone di esprimere le esigenze più profonde della condizione umana in termini di ontologia. Si tratta di recedere da esaurienti costruzioni metafisiche, compiere un“passo indietro” dalla metafisica all'ontologia, ossia da una dottrina del mondo intelligibile (metafisica classica) alla problematica del rapporto tra la coscienza e l'orizzonte finale di senso: la struttura trascendentale della condizione umana, la trascendentale incompiutezza del“già, non ancora”.
L'intreccio tra prossimità e ulteriorità offre un efficace paradigma di un approccio irrisolvibile nel compimento, ma che continuamente si ripropone. «Amare , osserva Lévinas , è cercare ancora chi ci è più vicino». Anche quando pensiamo“fino in fondo” il nostro rapporto con l'orizzonte finale di senso, avvertiamo un ineludibile intreccio di prossimità e ulteriorità. La dimensione metafisica si ripropone nei termini ridotti, ma essenziali, di filosofia prima.