Prima di Rochdale
Dal "cooperativismo" alla "cooperazione"

Special Price €15,30

Prezzo Pieno: €18,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2019, pp 252
Rubbettino Editore, Società e scienze sociali, Sociologia
isbn: 9788849859614
Tag: socialismo, cooperativismo, cooperazione, rochdale, zanotti
Prefazione di Alberto Zevi

Oggi si valuta che un miliardo e trecento milioni di persone siano socie di cooperative nel mondo, ma nei libri di economia, l’impresa cooperativa risulta una missing organization. Eppure per tutto il Diciannovesimo secolo la cooperazione fu un tema centrale di studio per l’emancipazione delle classi lavoratrici. Com’è stata possibile questa trasformazione d’interesse? L’Autore cerca di andare all’origine del pensiero cooperativistico che interessò un vasto numero di riformatori che continuano a essere definiti come Socialisti Utopisti, sostenitori di un sistema alternativo al capitalismo, fatto di piccole comunità autosufficienti, dove la concorrenza era bandita perché foriera di crisi e povertà. Scopo finale era la massima felicità per il maggior numero di persone. Entro la prima metà del Diciannovesimo secolo questo programma era già scomparso e il ‘cooperativismo’ fu sostituito dalla ‘cooperazione’ intesa come un’impresa diretta dai soci lavoratori e non dai capitalisti. Centro della ricerca è questa trasformazione da comunità a impresa e quanto possa essere importante la riscoperta della dimensione utopistica per evitare che si perda ogni connotato alternativo all’impresa capitalistica.

Potresti essere interessato ai seguenti libri