Special Price €3,82

Prezzo Pieno: €4,49

* Campi Obbligatori

Special Price €3,82

Prezzo Pieno: €4,49

aggiungi al carrello aggiungi alla whishlist

Collana: Viaggio in Calabria
2013, pp 188
Rubbettino Editore, Letteratura, Poesia e Teatro, Letterature di viaggio
isbn: 9788849839821
Cartaceo disponibile

Friedrich Werner van Oestéren visita la Calabria nel maggio del 1908. Per i suoi spostamenti si serve di tutti i mezzi di trasporto disponibili: dal treno alla carrozza, dalla diligenza al mulo e al cavallo. Entra in contatto con la gente comune, conversando per quanto glielo consentono le sue conoscenze dell’italiano, ma anche quelle dei suoi interlocutori. L’immagine della Calabria che questo viaggiatore ci lascia è un’immagine composita. Accanto alle sempre presenti suggestioni magno-greche se ne aggiungono altre: la presenza saracena nella tipologia umana, l’accostamento del paesaggio montano della Calabria al paesaggio alpino della Svizzera e dell’Austria, ma anche tratti inediti quale il paesaggio delle baracche che, nate per dare una risposta all’emergenza del terremoto, diventano residenza stabile, quasi uno “stile” abitativo. Le rovine non rimosse, non quelle classiche o quelle medievali, ma quelle prodotte dai terremoti, da ciarpame senza valore diventano cifra della frammentarietà irrelata del moderno. Anche l’“esistenza umbratile” di un povero matto di paese, il matto di Soveria, assurge a simbolo di una condizione umana più generale: la Vienna fin-de-siècle e l’arretrata Calabria per un attimo s’incontrano e si confondono.