Plinio Corrado

table { }td { padding-top: 1px; padding-right: 1px; padding-left: 1px; color: black; font-size: 10pt; font-weight: 400; font-style: normal; text-decoration: none; font-family: Arial; vertical-align: bottom; border: medium none; white-space: nowrap; }.xl63 { color: windowtext; }

Plinio Corrado, ingegnere veneziano, da sempre ha ceduto al fascino di altre culture grazie ad incarichi nel quadro della Cooperazione internazionale che lo hanno portato a viaggiare ai confini del mondo, da Samarcanda a Tor Pignattara, all’Isola di Pasqua. Ed è su uno straordinario fondale nord-sud che si è messo un giorno a ricostruire l’avventurosa vita del suo mitico nonno paterno, Rubens Corrado, di Canolo d’Aspromonte.

Anche lui ingegnere, oltre che grande viaggiatore e uomo di mondo: da una Calabria a dorso di mulo a una Venezia in piena belle époque a un’Africa da faccetta nera, per poi chiudere gli ultimi giorni in Argentina, speranza e rifugio per residuati bellici di tutte le bandiere. Dell’opera di Rubens come progettista e costruttore rimangono, soprattutto al Lido di Venezia, numerosi esempi di edilizia residenziale, considerati ormai espressione del patrimonio liberty del primo Novecento.
Autore (1)