Perché è nata la dottrina sociale della Chiesa?
Tra magistero e pensiero

Special Price €12,75

Prezzo Pieno: €15,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Saggi
2018, pp 166
Rubbettino Editore, Filosofia e Religione
isbn: 9788849854237
Tag: chiesa, cristianesimo, dottrina sociale
Ebook disponibile

Dopo ben oltre un secolo, e con tutti i nuovi elementi che sono emersi, si può sicuramente affermare che la Dottrina sociale della Chiesa non è nata solo per motivi di ordine sociale ed economico. Questi furono sicuramente importanti, ma, accanto a questi, non vanno trascurati quelli di natura teologica, politica e pedagogica. In un secolo, come l’Ottocento, segnato da quelle che, poi, verranno chiamate ideologie o “religioni terrene e secolarizzate”, Leone XIII intendeva ribadire che il Cristianesimo è l’unica possibilità di un’autentica salvezza mentre tutte le altre opportunità sono solo contraffazioni. Dopo l’evento epocale della “presa di Roma”, che fu vissuto nel mondo intero con profonde riflessioni e interrogativi, anche e soprattutto da parte di intellettuali non cattolici, Mons. Gioacchino Pecci, con il nome di Leone, succede a Pio IX al soglio pontificio, dopo essere stato nel 1843 nunzio apostolico a Bruxelles, città per tanti versi in fermento e dove erano confluiti intellettuali e rivoluzionari di varie estrazioni, dai liberali ai socialisti. Da qui prende le mosse l’insegnamento sociale cristiano del nuovo Pontefice. Questo insegnamento consente di affrontare con serenità ed efficacia le problematiche terrene senza generare frustrazioni e degenerazioni già insite nelle ideologie. Il loro fallimento – sembra già preannunciarci Leone XIII – avrebbe comportato le aberrazioni che tutti vediamo: da una parte un individualismo sfrenato ed egoistico tipico di un liberalismo che approda al libertarismo, dall’altra una rassegnazione priva di speranza che approda al nichilismo. È da tutto ciò che la Dottrina sociale della Chiesa intende metterci in guardia.

+ Rassegna stampa

Potresti essere interessato ai seguenti libri