Alessandro Angelo Persico
Pasquale Saraceno
Un progetto per l'Italia

Special Price €23,80

Prezzo Pieno: €28,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Saggi
2013, pp 656
Rubbettino Editore, Biografie e storie vere, Biografie, Personaggi storici, politici e militari
isbn: 9788849838954

Nato in Valtellina in una famiglia di origini meridionali, Pasquale Saraceno (1903- 1991) è stato un tecnico prestato alla politica. Laureatosi in economia presso la Bocconi, dove insegnò per poi passare all’Università Cattolica e, infine, alla Ca’ Foscari, fu portato da Donato Menichella all’IRI, divenendo uno dei massimi dirigenti dell’Istituto. Superando semplificazioni ancora correnti, in particolare l’immagine stereotipata di economista “statalista”, il volume ricostruisce il percorso che dagli anni della sua formazione, a contatto con l’intellighenzia dell’IRI e con i giovani cattolici del Movimento Laureati, è giunto alla maturazione del progetto storico da lui tenacemente perseguito per tutta la vita: il completamento del processo risorgimentale, attraverso l’unificazione economica della nazione. Soluzione degli squilibri territoriali e piena maturazione civile del paese erano possibili attraverso un modello di economia mista, in grado di regolare il mercato in funzione degli obiettivi sociali. Tale progetto trovò la sua sintesi ideale nel Codice di Camaldoli, di cui Saraceno fu il principale redattore assieme a Sergio Paronetto. Il suo impegno meridionalista fu sempre declinato in una prospettiva nazionale, rappresentando il filo conduttore della sua azione nel secondo dopoguerra: i piani ricostruttivi, l’intervento straordinario, lo Schema Vanoni, il centro-sinistra, la programmazione economica. In questi passaggi il suo apporto fu determinante. La sua figura è rimasta però nell’ombra. La lezione di Saraceno si colloca infatti sullo sfondo della storia italiana della Prima Repubblica. Il volume la presenta nei diversi momenti in cui ha preso concretezza, con alterne fortune, anche attraverso la collaborazione con alcuni politici democristiani, da Ezio Vanoni ad Aldo Moro, fino a Ciriaco De Mita.