Parole efficaci
Scritti e interventi pubblici di Antonio Scopelliti Introduzioni di Antonino Caponnetto e Luigi M. Lombardi Satriani

A cura di Maria Pascuzzi

Special Price €8,50

Prezzo Pieno: €10,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2002, pp 180
Rubbettino Editore, Fuori Catalogo
isbn: 8849803524
Antonino Scopelliti, Sostituto Procuratore Generale presso la Corte Suprema di Cassazione, si laurea giovanissimo e comincia una brillante carriera in magistratura per la funzione di Pubblico Ministero. Viene impegnato nei più importanti e delicati processi penali, di terrorismo e di criminalità organizzata, tra cui quelli a carico della banda di Cavallero, di Mario Capanna, di Camilla Cederna, di Valpreda, per la strage di Piazza Fontana. Come sostituto Procuratore Generale presso la Corte Suprema di Cassazione, viene impegnato, tra gli altri, nel processo per l'assassinio dell'On. Aldo Moro, del magistrato Vittorio Occorsio, per la strage di Piazza della Loggia in Brescia, per l'assassinio del Magistrato Chinnici e ancora quello a carico dei terroristi della ricostituita banda "Walter Alasia" di Milano, per l'uccisione del giornalista Tobagi, ilprocesso per la strage dell'Italicus, quello per Sindona, per Calvi, e contro i "135" della Locride. Interviene il 26marzo 1968 a un congresso studi organizzato dalla Corte di Giustizia della Comunità Europea che era l'organo giurisdizionale e legislativo del MEC a Lussemburgo con una interessante relazione 'Giurisdizione della corte e sovranità degli Stati membri'. era stato designato per l'udienza del maxiprocesso del 30.01.1992 ma il 9 agosto 1991 alle ore 17,50 viene ucciso su una strada che collega la SS. 18, all'altezza diFerrito, a Campo Calabro. Giovanni Tranfo, 'Magistrato di Cassazione', scrive : "Era elegante nelparlare, nelgestire, nell'icedere, nel vestire. Un'eleganza (...) che nasceva (...) da una grande pacatezza interiore. e mi sovvengono i versi di Garcia Lorca (...) di cui mi sorprende l'intima verità: 'io canto la sua eleganza con parole che gemono'".