Orfeo in Ovidio, La creazione di un nuovo epos

Special Price €16,83

Prezzo Pieno: €19,80

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Studi di Filologia Antica e Moderna
2012, pp 198
Rubbettino Editore
isbn: 9788849834260
Il mito di Orfeo nelle Metamorfosi propone con efficace evidenza i tratti più significativi della ‘maniera’ epica ovidiana: la dimensione narrativa che ordina secondo un racconto verisimile e raziocinante i due nuclei principali del mito (la catabasi e la morte del cantore), l’attitudine ‘callimachea’ che espande elementi apparentemente accessorii della fabula (i canti di Orfeo dopo la ‘seconda morte’ di Euridice), il superamento del modello virgiliano (l’Orfeo delle Georgiche) la cui memoria ovidiana – vigile e straniante al tempo stesso – si esplicita in un’aemulatio del testo-maestro tanto raffinata quanto meno riverente ne è l’imitatio. Questo libro indaga sulla cosiddetta ‘facilità’ narrativa di Ovidio ‘epico’ i cui effetti sono mirabilmente esemplificati dal carmen orfico, il più ampio ‘canto nel canto’ delle Metamorfosi. La virtuosistica tecnica ovidiana, basata sull’interazione fra una rete tematica di consolidato uso letterario (i topoi del furor amoris, della potentia formae, del vulnus inmedicabile) e l’avvincente trattamento espositivo di ogni fabula (la trama delle storie di Ciparisso, Giacinto, Pigmalione, Mirra, Adone, Atalanta e Ippomene), crea una dizione epica capace di fare del molteplice racconto dei miti un nuovo e unitario ‘racconto del mondo’.