Operazione "Armi ai partigiani"
I segreti del Pci e la Repubblica di Caulonia

Special Price €11,90

Prezzo Pieno: €14,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Storie
2008, pp 190
Rubbettino Editore, Storia, Storia d'Italia
isbn: 9788849822632
Un libro che getta luce sui retroscena di un’importante vicenda calabrese e italiana della Seconda guerra mondiale, la Repubblica rossa di Caulonia del marzo 1945, e sul suo protagonista, Pasquale Cavallaro. Il ritrovamento di documenti inediti da parte dei figli e le memorie di uno di essi, testimone diretto dei fatti, rivelano aspetti finora sconosciuti del ruolo e dell’atteggiamento del Partito comunista italiano in una fase delicata della storia nazionale. Tutto ruota intorno all’operazione bellica “Armi ai partigiani”, vale a dire lo sbarco in Calabria, tra il 1942 e il 1943, di armi destinate al movimento partigiano del Nord da parte degli Alleati. I comunisti calabresi sottrassero parte di quelle armi su indicazione del pci, preoccupato di attrezzarsi militarmente a un periodo dall’esito incerto e dai sicuri conflitti civili con agrari e fascisti. Su nuove basi viene riletta la vicenda della Repubblica di Caulonia e rivalutata la figura di Pasquale Cavallaro, contrario ad un’epurazione sommaria e strenuo custode di segreti, lo svelamento dei quali avrebbe certo imbarazzato il pci dedito alla linea togliattiana dell’unità nazionale.