Nuovi percorsi di sviluppo locale
Il Programma LEADER e la sua applicazione in due aree del Mezzogiorno

Special Price €10,20

Prezzo Pieno: €12,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia Università
2003, pp 228
Rubbettino Editore, Fuori Catalogo
isbn: 8849805276
Rubbettino Editore, pp. 228, Euro 12,00In relazione alla crisi dei modelli di sviluppo basati sulle teorie dell'economia neoclassica e sui principi di regolazione del“mercato” e dello“stato”, si sono aperte nuove prospettive per l'affermazione del paradigma dello“sviluppo locale”, basato sulle teorie sociologiche e neo-istituzionaliste, al quale si stanno adeguando anche le politiche nazionali e comunitarie. Nel quadro delle nuove politiche di sviluppo rurale adottate dalla Comunità Europea si inserisce il Programma LEADER, che mira a promuovere uno sviluppo rurale integrato nelle aree marginali, basato sulla valorizzazione delle risorse endogene e sull'approccio“dal basso”. Attraverso la costituzione di partenariati pubblico-privati e l'elaborazione di Piani di Sviluppo Locale, si intende sperimentare nuovi metodi di partecipazione alla vita pubblica da parte degli attori locali e sostenere processi dinamici di sviluppo sostenibile. L'autrice, partendo dai risultati di una ricerca empirica svolta in Puglia e in Calabria, ha inteso approfondire la conoscenza dei problemi connessi con l'introduzione delle forme di auto-organizzazione locale, assunte come riferimento anche per nuove configurazioni istituzionali ed ampiamente dibattute a livello teorico e politico. Lo studio conferma la possibilità di rafforzare il tessuto sociale ed economico delle aree marginali, attraverso la valorizzazione del capitale sociale, l'introduzione nel territorio di elementi innovativi sul piano organizzativo, il rapporto con le esperienze esterne. D'altra parte, sono rilevati i vincoli operanti a livello del sistema istituzionale, tuttora ancorato a logiche burocratiche e centralistiche, che limitano le prospettive di autonomia degli attori locali.