Narratori italiani del Novecento
Dal Postnaturalismo al Postmodernismo e oltre esplorazioni critiche: ventitré proposte di lettura. Tomi I e II

A cura di

Special Price €67,15

Prezzo Pieno: €79,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Iride
2012, pp 1356
Rubbettino Editore
isbn: 9788849833379
All’impianto generale del volume apparso in questa collana nel 2006 con il titolo Strutture dell’immaginario. Profilo del Novecento letterario italiano e accolto favorevolmente in Italia e all’estero, va ricondotta, costituendone parte integrante, la presente opera incentrata sulla delineazione di ventuno profili di narratori e vòlta a raggiungere e ad evidenziare i seguenti tre obiettivi considerati prioritari: a) la durata e l’im-por-tanza della rappresentatività degli scrittori presi in esame nell’arco di tempo compreso tra gli albori e la fine del Novecento, individuando, all’occorrenza, influenze subìte o esercitate – con riverberi riscontrabili nelle opere di altri autori non solo italiani – fino al primo decennio del Duemila; b) il confronto serrato e costante di idee, scuole e approcci critico-metodologici assicurato di fatto dalla scelta deliberata e ponderata di studiosi provenienti da varie Università italiane e straniere appartenenti anche a generazioni diverse cui è stato affidato il compito di effettuare l’analisi e la trattazione della produzione narrativa di ciascuno dei prosatori prescelti non senza garantire preventivamente la massima libertà e autonomia, affrancandoli dalla camicia di nesso di un percorso obbligato; c) una organica e unificante visione d’insieme attribuita all’assetto dell’intero volume adeguatamente supportato da due ampi e approfonditi saggi, posti in apertura, che focalizzano ed esaminano tendenze e nuclei tematico-espressivi quali utili indicatori di processi di metamorfosi delle poetiche e del genere narrativo con le sue molteplici sfaccettature nonché la lingua e lo stile degli scrittori italiani del XX secolo. E ciò anche al fine di conferire senso e valore di verifica, pianificata e quindi non casuale, ai singoli saggi sugli autori selezionati, senza trascurare di lasciar presagire, abbandonando qualsiasi pregiudizio e/o preclusione dettati dal soggettivo senso estetico, quali saranno in futuro i nuovi modi di intendere e praticare la scrittura creativa in prosa a partire dall’oggi, ovvero – co-m’è stato precisato in modo efficace da Wu Ming 1 nel Memorandum del New Italian Epic – da quella «nebulosa narrativa» nella quale convergono «parecchi scrittori, molti dei quali sono in viaggio almeno dai primi anni Novanta», che formano una «generazione letteraria».