Narratori Italiani del Novecento. L'iniziativa Rubbettino (Mosaico)

di Redazione, del 06 dicembre 2012

cop_morano_150_1Da Mosaico, n. 107
Narratori italiani del Novecento. Dal postnaturalismo e oltre Esplorazioni critiche: ventitré proposte di lettura, a cura di Rocco Mario Morano per le edizioni Rubbettino: una iniziativa editoriale in due volumi, nella autorevole collana “Iride",

con le sue caratteristiche grafiche inconfondibili (blu accesso,scritte bianche, elegante carta giallina, segni tipografici ben visibili) che rimarrà nel tempo come utilissimo strumento di lavoro per gli studiosi (visto l’ineccepibile pregnanza scientifica), per i docenti, dalla Scuola Superiore alle Università, ai giovani e agli appassionati di letteratura. Ha il pregio di aver raggiunto il difficile (nel campo saggistico) equilibrio tra una comunicazione piana e scorrevole, storicamente documentata, capace di riepilogare, insieme al singolo profilo degli autori, un lungo dibattito culturale sulla forme del romanzo e la profondità delle analisi letterarie condotte sui testi e su personaggi esemplari. Ventitré profili: ma gli autori citati e gli eventi messi in relazione e in movimento sono molti altri, con riferimenti, analogie, uguaglianze a volte inedite, sempre ben calibrate, in una formidabile visione di insieme capace di fotografare per emblemi la complessità dei fenomeni, nel loro svolgersi sincronico e diacronico. Emergono i dibattiti vivacissimi nel secolo scorso sulle forme del romanzo maturati sulle riviste, fino alle discussioni “logoranti” sulla morte del romanzo, con i clamori, in fin dei conti sterili, del Gruppo ’63, a formare un canone non rigido, archetipico della modernità, dal realismo verso il post moderno, formula generica, forse, già sorpassata, a cui però ancora non si sostituisce un’altra sintetica e attraente. E’ consentito di inoltrarsi in questo fecondo labirinto di forme, di storie, di biografie con una idea ben chiara: la storia del nostro paese la si può capire anche, e talvolta meglio, attraverso la narrativa. Non è così un caso che questo numero di Mosaico accosti il bel volume sulla funzione civile della narrativa a questa iniziativa editoriale che, senza dirlo esplicitamente, racconta, per episodi significativi la storia del Novecento. Assumendo, si legga il brano tratto dalla introduzione del curatore, Rocco Mario Morano, a cui va tutta la stima di Mosaico per la coraggiosa applicazione, per le acute analisi, le scelte dei saggisti e degli autori, per la straordinaria cura redazionale, un forte impegno etico verso la letteratura proprio in funzione di un ruolo centrale nella educazione sociale e nazionale. Grande attenzione, in questo quadro che finisce per essere multidisciplinare tra storia (veramente sorprendente l’analisi della cultura nella Torino di Carlo Levi anche rispetto alla Milano di Vittorini ed ad una Roma di fatto indietro culturalmente fino ad un certa altezza cronologica), attualità, letteratura, arti gemelle, al problema della lingua, innescato fin dai primordi del dibattito intorno al romanzo con un saggio introduttivo di Maurizio Dardano.
A cura di Mosaico