Lettere meridiane. Cento libri per conoscere la Calabria - Francesco Bevilacqua (Sololibri.net)

di Francesca Ferraro, del 30 giugno 2015

Lettere meridiane

Cento libri per conoscere la Calabria

Da Sololibri.net del 30 giugno

Lettere meridiane. Cento libri per conoscere la Calabria di Francesco Bevilacqua (Rubbettino, 2015) è una lettura che richiama il pensiero meridiano, in cui la Calabria trova la forza per pensarsi da sé. È un libro intenso e bellissimo, frutto della prosa brillante di un narratore di viaggi, profondo conoscitore della Calabria e della letteratura sulla Calabria. Un libro dei libri che nella prima parte, ricca di profonde riflessioni sul paesaggio calabrese, rapisce il lettore e lo porta nelle sue viscere segrete e meno conosciute, scoprendone le arcane bellezze, la propria saggezza, la forma poliedrica, talvolta rude, selvaggia e proprio per questo affascinante, ammaliatrice.
Sono affrontate le tematiche della cosiddetta questione meridionale, dei pregiudizi sugli abitanti, sulle radici del brigantaggio, sulla 'ndrangheta, sui terremoti e sulle alluvioni, sull'emigrazione, su sacro e magismo, sui viaggiatori stranieri, sui pregiudizi diffusi e sulla difficile realtà. Molti altri e interessanti aspetti affascinano del libro, la cui lettura è avvincente e scorrevole assieme, piacevole e nostalgica al tempo stesso, mentre si indica che specificità e identità possono produrre futuro.
Un libro dei libri che continua a rapire il lettore nella disamina di un viaggio interiore e della memoria attraverso cento opere letterarie sulla Calabria che possono raccontarla passo passo, attraverso un cammino nella letteratura che segue le lunghe e intense camminate nel paesaggio calabrese. Lettura e cammino ugualmente si districano in percorsi variegati che consentono di scorgere spazi ampi e stretti percorsi, tratti lineari e tortuosi sentieri.
I cento libri commentati spaziano tra saggi e racconti, alcuni non specificatamente riferiti alla Calabria, che riguardano anche altre regioni, ma che per le condizioni di vita degli abitanti sono assimilabili a quelle dei calabresi. Un libro che consente, così come garantito nelle avvertenze iniziali, di districarsi nel mare della pubblicistica sulla Calabria e per questo dovrebbe essere presente nella biblioteca personale di ogni calabrese e diventare guida metodologica per chi volesse conoscere e capire le ragioni di una terra ritenuta da molti irredimibile.

Di Francesca Ferraro

Clicca qui per acquistare il volume con il 15% di sconto