le telecamere nelle aule giudiziarie, e la denuncia diventò supplenza (La Lettura (Il Corriere della Sera))

di Serena Suoni, del 14 marzo 2016

In nome della legge

la giustizia nel cinema italiano

A cura di

Da La Lettura (Il Corriere della Sera) del 13 marzo

Sarà solo una coincidenza che «attore» significhi sia colui che interpreta un ruolo drammatico sia la parte di un processo? E che nel procedimento penale si assista alla «scena» del crimine? E in fondo, che cosa altro è la toga, se non «un costume maestoso», come pare abbia detto il giurista Camelutti? Se il processo si è abbeverato alla fonte letteraria, l'espressione artistica si è ispirata alle vicende e alle formule giudiziarie.
Il cinema, in particolare, è un'arte consona a raccontare la giustizia, con stilemi tipici da Paese a Paese. Di quelli italiani racconta con dovizia di esempi e spiegazioni In nome dello legge. La giustizia nel cinema italiano, edito nel 2013 da Rubbettino a cura di Guido Vitello: una fonte straordinaria, ma soprattutto una lettura che stimola almeno due riflessioni. La prima: è veritiera la rappresentazione del processo che la finzione artistica ci consegna? Se abbiamo in testa i legal movies americani, non abbiamo idea di cosa sia un nostro tribunale. Nemmeno il cinema italiano è fedele alla giustizia, molto più banale nei suoi rinvii, lungaggini, formalismi e incurie. Tuttavia, ad esso possiamo riconoscere la capacità di aver raccontato alcune storture: Detenuto in atteso di giudizio o In nome del popolo italiano valgono più di ogni trattazione sul carcere preventivo e sull'autoreferenzialità dei magistrati.
La seconda: il sistema giudiziario, si dice, è in crisi, nega la giustizia in ogni settore. Così la finzione arriva dove non arriva la realtà: se ne impossessa e fa le sue veci. i processi si svolgono davanti la telecamera. Non è solo la storia del Divo, ma di tutti i casi giudicati negli studi tv prima che nei tribunali. Anche questo è un effetto di una giustizia che non è (più) tale.

di Serena Suoni

clicca qui per acquistare il volume con il 15% di sconto