Le sfide della genetica
Conoscere, prevenire, curare, modificare

A cura di

Special Price €15,30

Prezzo Pieno: €18,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Bioetica
2007, pp 290
Rubbettino Editore, Filosofia e Religione
isbn: 9788849817669
La genetica sfida le nostre certezze, mette in questione l’idea stessa di essere umano, il nostro rapporto con la corporeità e con la vita. Sino a che punto siamo il nostro genoma? É possibile che domani sia l’immagine del DNA, e non più quella del nostro volto, ad identificarci? Le possibilità nuove di conoscenza offerte dai test genetici possono cambiare la nostra vita, la proiezione nel futuro, il progetto genitoriale, i rapporti lavorativi e sociali. Nuovi interrogativi si aprono per l’etica e per il diritto: la tensione tra diritto di sapere e diritto di non sapere, tra rispetto della privacy e tutela della vita, i dilemmi etici sollevati dalla diagnosi genetica prenatale. Altre questioni sono poste dal nuovo potere di intervento sulla vita: si può superare il veto posto sinora agli interventi di ingegneria genetica sulle cellule germinali, presumendo il consenso delle generazioni future? È possibile porre paletti fermi tra terapia e trasformazione? E ancora: quali sono i rischi, quali i vantaggi degli OGM? È giusto brevettare le scoperte sulla vita, in particolare sulla vita umana? Problemi complessi che gli autori del testo affrontano in modo diverso: alcuni tendendo più a preservare l’esistente, sulla scia dei principi di responsabilità e di precauzione; altri cercando regole flessibili all’avanzare della scienza; altri, infine, tentando una terza via nell’argomentazione e nel dialogo. Sullo sfondo l’impegno comune a cercare principi, regole, criteri che orientino nel passaggio dal vecchio al nuovo e, ancor prima, l’impegno a comprendere e far comprendere i rischi e i benefici su cui apre la genetica oggi, per promuovere anche in questo campo scelte autenticamente democratiche. Le giovani voci degli studenti di scuole medie superiori che appaiono in chiusura sono in questo senso un segno positivo di impegno e di speranza.