La violenza contro le donne: profili familiari, lavoristici e penali

Special Price €11,90

Prezzo Pieno: €14,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2010, pp 130
Rubbettino Editore, Società e scienze sociali, Problemi e processi sociali
isbn: 9788849826340
Il volume affronta il tema della violenza contro le donne secondo la prospettiva del contesto sociale in cui si presenta: la famiglia e il lavoro. Le dinamiche relazionali all'interno delle quali si verificano questi fenomeni determinano una diversa configurazione del comportamento delle reazioni e degli strumenti di tutela, civili e penali, presenti nell'ordinamento giuridico italiano. Gli autori tracciano una simmetria tra la tendenza delle donne a una completa emancipazione, attraverso la conquista di spazi sociali e professionali sempre maggiori, e la crescita delle manifestazioni di violenza che coinvolgono più del 50 per cento della popolazione femminile. Una volta perpetuata la violenza ha pesanti conseguenze: difficoltà relazionali, peggioramento della percezione di sé, diffidenza verso gli altri e così via. Il legislatore ha rafforzato, negli anni, la normativa di contrasto e tutela, colmando, ad esempio, le lacune sanzionatorie rispetto a nuove forme di violenza come lo stalking. Su questi temi, al fianco delle istituzioni e delle forze dell'ordine, lavorano i centri antiviolenza. Le esperienze positive condotte in Calabria, Sicilia, e Valle d'Aosta, evidenziano il valido percorso intrapreso dalle strutture territoriali pubbliche e private, spesso in rete tra loro. Tale cammino necessita di essere maggiormente condiviso e partecipato attraverso incontri, analisi, scambio di buone prassi e anche seminari come quello di cui si pubblicano gli atti, fortemente voluto dalla Consigliera Regionale di Parità della Calabria in collaborazione con l'Osservatorio Nazionale sul Diritto di Famiglia - Avvocati di Famiglia.