La Tv in Europa
Ordinamento e funzioni dei servizi pubblici

Special Price €6,80

Prezzo Pieno: €8,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Centro Europeo Etica dei media
2003, pp 294
Rubbettino Editore, Società e scienze sociali, Studi sui mezzi di comunicazione di massa
isbn: 9788849805734
Prefazione di Jader Jacobelli
Il Parlamento italiano sta per mettere mano a una nuova riforma del nostro sistema televisivo e lo fa riproponendosi la domanda - che è singolare nell’attuale panorama europeo - se la Rai debba essere privatizzata e, se si, come. Questo libro intende offrire anche al comune cittadino tutti gli elementi per valutare meglio le proposte in discussione, attraverso il confronto con quanto fanno all’estero e rendendo disponibili il testo del nuovo Contratto di servizio tra Ministero delle comunicazioni e Rai, il Codice di autoregolamentazione tv e minori, dati economici. Essere europei impone di conoscere meglio le rispettive istituzioni fra cui, non ultima, è la televisione. Quali compiti svolgono i servizi pubblici radiotelevisivi nei diversi paesi europei? Come si sostengono finanziariamente? Chi vigila sulla loro correttezza? Quale tutela hanno i minori? La panoramica parte, ovviamente, dalla Gran Bretagna che ha il servizio pubblico più esemplare per quanto riguarda l’autonomia, la funzionalità e la qualità della programmazione. Ciascuna televisione nazionale ha sue specifiche caratteristiche e sarebbe vano ricercare un comune denominatore nei diversi ordinamenti. Ma ciò che rende tali i servizi pubblici europei sono alcune esigenze condivise: la prima è quella che per servizio pubblico non deve intendersi servizio di Stato, e men che meno dei governi e dei partiti, ma servizio alla comunità nazionale; la seconda è che per svolgere al meglio la loro “missione”, per essere imparziali e obbiettivi, i servizi pubblici debbono essere il più professionalmente autonomi dal potere politico e quindi ancorati a organi di alta garanzia civica; la terza esigenza è che debbono avere entrate coerenti che non condizionino la loro programmazione, cioè siano il più possibile pubbliche.