La transizione post-socialista dell'economia ungherese

Special Price €15,30

Prezzo Pieno: €18,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Supersaggi
2002, pp 358
Rubbettino Editore, Fuori Catalogo
isbn: 8849801513
l'obiettivo di questo lavoro consiste nell'analizzare gli aspetti più rilevanti della transizione economica ungherese dal sistema statizzato del socialismo al capitalismo di mercato. Sin da subito l'adattamento alla democrazia e all'economia di mercato apparve consustanziale ai risultati ottenuti nel ridefinire i meccanismi di ristrutturazione, partecipazione e gestione, dell'insieme dei contesti politico e sociale, ereditati dal passato. Nel periodo immediatamente successivo alla caduta del regime socialista l'economia ungherese entrò in una fase di crisi acuta, esclusivamente legata al processo di transizione ed aggravata dalle ripercussioni della recessione internazionale dei primi anni novanta e legata alla profonda alterazione degli equilibri internazionali in rapida evoluzione dopo decenni di guerra fredda. La transizione ungherese da subito si contraddistinse per la gradualità del cambiamento innanzitutto perchè in Ungheria non esisteva da decenni un'economia di tipo sovietico-staliniana, la liberalizzazione si collocò quindi diversamente dagli altri stati ex socialisti poiché esistevano precedenti sui quali proseguire nell'opera di smantellamento dell'apparato dirigistico centralizzato. Nonostante i vantaggi relativi, la profondità della crisi economica non esclude l'Ungheria perchè le cause dell'eccezionale recessione produttiva risalivano direttamente all'ambiente economico e alle condizioni produttive ereditate dal regime e comportavano un processo lento e difficile di adattamento al nuovo contesto dell'organizzazione interna e dei rapporti esteri delle imprese da compiere senza aggravare le ripercussioni sociali che questo cambiamento comportò . l'assunto base consiste nel fatto che i cambiamenti intrapresi in Ungheria abbiano impresso al processo un carattere irreversibile nonostante la gradualità e la parzialità dei risultati conseguiti nella prima metà del decennio novanta.