Annamaria Vitale
La talpa nel prato verde
Soggettività al lavoro alla Fiat di Melfi

Special Price €7,02

Prezzo Pieno: €8,26

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Scaffale Universitario
2001, pp 150
Rubbettino Editore, Fuori Catalogo
isbn: 8849801246
L'apertura dello stabilimento Sata di Melfi costituisce un momento fondamentale nella realizzazione delle nuove strategie localizzative della Fiat: l'insediamento di impianti produttivi innovati, organizzati secondo i principi della produzione snella, in 'prato verde'. Gran parte della letteratura che indaga i processi di ristrutturazione in atto nell'industria automobilistica ha assunto che questi siti di insediamento costituiscano uno spazio sociale“libero” da culture industriali e quindi da quella memoria conflittuale che caratterizza invece i vecchi siti di industrializzazione fordista. Il libro intende mettere in discussione questo stereotipo. La tesi principale è che il“prato verde” rappresenta il risultato tendenziale della messa in atto di nuove forme di regolazione sociale del rapporto capitale/lavoro. La realizzazione del nuovo paradigma produttivo determina la necessità di intervenire sempre più nelle dimensioni sociali che caratterizzano le aree di insediamento, nella misura in cui la qualità della forza lavoro viene sempre più definendosi rispetto ad attitudini professionali quali abilità relazionali e comunicative per lavorare in gruppo, cognitive e diagnostiche da attivare nei processi di 'problem solving'. La colonizzazione dei tempi di vita sociale non è però senza conseguenze. Il conflitto meramente industriale sembra lasciare il posto a forme diverse di resistenza: è ora lo spazio della vita che può configurarsi come nuovo tessuto del conflitto. A partire da queste ipotesi di lavoro, il libro propone i risultati di una ricerca condotta nell'area del nuovo sito di localizzazione Fiat a Melfi. Vengono in particolare esaminati sia i processi di trasformazione sociale che sono stati innescati dall'insediamento, sia i potenziali problemi di governabilità che le nuove forme di resistenza determinano nel rapporto fabbrica/società.