La sfida progettuale
Architettura e futuro della città

Special Price €12,75

Prezzo Pieno: €15,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Scaffale universitario
2007, pp 86
Rubbettino Editore, Arte, Architettura
isbn: 9788849816075
Prefazione di Franco Purini
“La città è divenuta “altra cosa” rispetto all’idea che ci ha accompagnato per tutto il Novecento. Oltre ogni inimmaginabile profezia. In questi anni – scrive Fernando Miglietta – è cambiato il mondo, la comunicazione; è cambiata, inevitabilmente, anche la città. È mutata l’idea del futuro. Il nuovo millennio impone un mondo di città, sempre più macro e sconfinate, complesse e inquietanti. Un mondo di città senza confini. La loro immagine è tutta da inventare”. La sfida progettuale di Fernando Miglietta “è un libro militante ma anche un testo ispirato il quale ricorda in tutte le sue pagine che l’architettura, come sosteneva Edoardo Persico, è “sostanza di cose sperate”. Con passione, rigore, capacità analitica e intuito creativo – scrive Franco Purini nella prefazione – Fernando Miglietta esplora una serie di aspetti centrali dell’architettura contemporanea (il controllo del paesaggio e della città; la relazione tra globale e locale; la riduzione della città alle logiche del consumo; la necessità della scala umana; la questione ecologica; lo spazio pubblico come luogo di identificazione collettiva della città; l’ambiente; il restauro del paesaggio; la città come spazio dell’identità; la relazione tra arte e architettura; una nuova spazialità come superamento della modernità; il linguaggio come l’esito di contaminazioni e attraversamenti di codici diversi) delineando una mappa completa e circostanziata di un percorso nell’architettura che assume in più parti i tratti di un vero e proprio manifesto”. “Nelle sue pagine Fernando Miglietta ha riversato la sua esperienza di progettista, di costruttore di edifici, di teorico e di organizzatore culturale fornendo un tessuto di argomenti aggiornato ed esauriente, dando così un contributo essenziale al dibattito che anima oggi l’architettura”.