La sfida di New York
L'Italia e la riforma del Consiglio di Sicurezza dell'Onu

Special Price €16,15

Prezzo Pieno: €19,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Storie
2017, pp 315
Rubbettino Editore, Relazioni internazionali
isbn: 9788849850970
Tag: Riforma, Consiglio, privilegi, veto, membri permanenti, uguaglianza, responsabilità, diplomazia, Coffee Club, Kofi Annan

Gli anni Novanta del secolo scorso fecero assistere a una svolta epocale nelle relazioni internazionali. Il crollo del muro di Berlino e la fine della guerra fredda crearono un nuovo scenario, e il clima di maggiore collaborazione assicurò un ruolo più importante alle Nazioni Unite e al loro organo esecutivo, il Consiglio di Sicurezza. In quella fase di cambiamenti il Giappone e la nuova Germania unificata cedettero alla tentazione di chiedere l'ingresso nel gruppo ristretto e privilegiato dei membri permanenti del CdS, ottenendo l'appoggio di Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna. L'Italia e la sua Rappresentanza a New York raccolsero la sfida opponendosi con fermezza ad una soluzione che sembrava scontata in nome dei legittimi interessi nazionali e di una diversa visione dell'ONU del futuro. Mobilitando altri Paesi con analoghi interessi e convinzioni, svolgemmo in quel decennio un ruolo decisivo per impedire soluzioni frettolose e per definire regole del gioco che conservano fino ad oggi la loro validità, potendo contare su un appoggio unitario senza precedenti di classe politica, stampa ed opinione pubblica del nostro Paese.

Potresti essere interessato ai seguenti libri