La rivoluzione digitale
Come cambia la nostra vita e quali regole per tutelarla

A cura di Maria Pia Caruso, Lina Falvella

Special Price €8,50

Prezzo Pieno: €10,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2005, pp 140
Rubbettino Editore
isbn: 9788849807943
Introduzione di Silvio Traversa
L'avvento e la crescita esponenziale delle ICT (Information & Communications Technologies), stanno determinando enormi cambiamenti nell'economia e nelle società contemporanee. La trasformazione in atto ha tutti i connotati di una nuova rivoluzione, dopo quella chirografica, dopo la stampa e la trasmissione di segnali a distanza. Con i nuovi strumenti, si rimodellano i processi cognitivi degli individui, si modificano le abitudini e l'investimento del "tempo di non lavoro" e si delineano nuovi stili di vita. Il progresso, ancora una volta, non è demoniaco se utilizzato correttamente. Nell'attuale e complessa rete di comunicazione, ognuno di noi può , infatti, contribuire ad alimentare il patrimonio comune - fatto di informazioni, banche dati, utilities e intrattenimento - assumendo un ruolo attivo di moltiplicatore di conoscenza. Nascono forme diverse di elaborazione, produzione, distribuzione e utilizzo del sapere.
Regolamentare i mercati connessi a tali tecnologie significa amministrare con responsabilità e lungimiranza un panorama complesso e affascinante.
Il tema è stato affrontato, nei suoi diversi aspetti, nel convegno "La rivoluzione digitale: come cambia la nostra vita e quali regole per tutelarla", organizzato dall'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM), e volto a promuovere il libero mercato dei media, nel rispetto di modalità sempre più avanzate e democratiche di impiego delle tecnologie.
Il convegno promosso dall'AGCOM ha costituito un'importante occasione per sentire il parere di figure istituzionali ed esperti internazionali sulle trasformazioni sociali in atto, nella convinzione che un aumento degli strumenti disponibili, senza un utilizzo pieno e consapevole di essi, nonporterebbero ad alcuna crescita economica e sociale.