La responsabilità delle persone giuridiche derivante da reato

Special Price €19,13

Prezzo Pieno: €22,50

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Scaffale Universitario
2008, pp 336
Rubbettino Editore, Fuori Catalogo
isbn: 8849819250
Nella prima parte, dopo una breve introduzione sul significato del principio societas delinquere non potest e sui concetti di ente e persona giuridica, sono evidenziate le ragioni di politica criminale che premono per un sistema “punitivo” rivolto alle persone giuridiche. Successivamente sono ripercorse, sotto un profilo storico-comparato, le tappe fondamentali della questione della responsabilità penale delle persone giuridiche: dall’affermazione del principio societas delinquere non potest fino al suo declino, e al suo definitivo superamento nella legislazione di numerosi e importanti Paesi, già a partire dalla prima metà del Novecento. Sempre nella prima parte viene esaminata la situazione italiana, ripercorrendo in particolare il dibattito dottrinale del secondo dopoguerra e analizzando i principali argomenti pro e contra l’introduzione di una responsabilità “penale” delle persone giuridiche nel sistema italiano, senza trascurare i risvolti costituzionali del problema, soprattutto alla luce dell’art. 27 della Costituzione. In tale sede, infine, non si è trascurato di evidenziare l’esigenza di un doppio livello di controllo della criminalità d’impresa che, anche in riferimento ai principi di proporzione e sussidiarietà, si possa fondare sia sul diritto penale che su quello amministrativo. La seconda parte, invece, è dedicata al diritto positivo e, in particolare, al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 – che, com’è noto, ha di recente introdotto una disciplina della responsabilità delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni (anche prive di personalità giuridica) per gli illeciti “amministrativi” dipendenti da reato – con riferimento al quale sono messi in evidenza i lineamenti sostanziali del nuovo illecito punitivo e il connesso apparato sanzionatorio; nonché i limiti, le prospettive e gli aspetti problematici che esso presenta, primo fra tutti quello concernente la “reale” natura giuridica di tale responsabilità. Con particolare riguardo a quest’ultimo punto, nel volume si è cercato di dimostrare la natura sostanzialmente penale della responsabilità degli enti e, sulla scorta di ciò, sono stati messi in risalto alcuni aspetti controvertibili della nuova disciplina, soprattutto in tema di criteri di imputazione del reato alla societas.