La prima Repubblica (1946 - 1993)
Storia di una democrazia difficile

Special Price €7,64

Prezzo Pieno: €8,99

* Campi Obbligatori

Special Price €7,64

Prezzo Pieno: €8,99

aggiungi al carrello aggiungi alla whishlist

Collana: Saggi
2013, pp 356
Rubbettino Editore, Storia, Storia d'Italia
isbn: 9788849837018
Cartaceo disponibile
Questo libro rivaluta la grande esperienza del «centrismo» degasperiano, che non fu (come la maggior parte della storiografia sostiene) un periodo di conservazione, bensì di forte impegno riformatore. Esso pose le premesse del «miracolo economico», che fece dell’Italia una grande nazione industriale. Il «centro-sinistra» fu del tutto inadeguato a sostenere questo sviluppo e a correggerne gli squilibri. Tale inadeguatezza pose le premesse del lungo Sessantotto e dell’«autunno caldo» del 1969, che ebbe influssi assai negativi sull’economia e che destabilizzò la società civile. Di qui un successo sempre più grande del PCI, il quale però non riuscì mai a diventare un partito democratico, nel senso occidentale della parola. La democrazia italiana è rimasta quindi sempre, nella «prima Repubblica», una democrazia «bloccata», priva di alternanza fra schieramenti politici diversi. Tale «blocco» ha impedito qualunque rinnovamento della società e ha determinato una profonda degenerazione della politica.