La libertà religiosa
Tomi I, II, III

A cura di

Special Price €59,50

Prezzo Pieno: €70,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Saggi
2002, pp 1072 (3 voll.ind.)
Rubbettino Editore, Biblioteca liberale, Saggi, Politica, Scienza e teoria politica
isbn: 9788849804034
Il dibattito sulla libertà religiosa ha avuto esiti spesse volte deludenti nonostante alcuni dei risultati scientifici perseguiti appaiono di notevole rilievo sul piano teorico. Se molto si è scritto e si continua a scrivere sull'argomento, da cosa nasce l'insoddisfazione di fondo sul modo in cui il problema è stato trattato e perché riteniamo che lo si debba affrontare in maniera differente? Sono le circostanze di fatto ad imporlo e a rendere inadeguate le conclusioni alle quali la dottrina e la legislazione sono pur correttamente pervenute. La libertà religiosa è stata riguardata in rapporto ai singoli ordinamenti statuali, anche perché la storia religiosa di ciascuno di essi è sostanzialmente diversa ed ha richiesto interventi normativi diversificati. Si è proceduto però su un piano meramente formalistico, senza avvertire che nel tempo l'oggetto della libertà religiosa è mutato, che il panorama internazionale è diverso, che su questo versante si affacciano nuove confessioni evidenziando esigenze in precedenza sconosciute che necessitano interventi normativi diversificati. è potuto avvenire così che una dottrina finissima e in apparenza molto avanzata, si sia venuta a trovare su posizioni arretrate, per cui le perfette ed edulcorate costruzioni dogmatiche, frutto di due secoli di elaborazione, risultano inadeguate a qualificare le nuove realtà. Se tutto un mondo di principi e di idee nel quale abbiamo vissuto si dimostra sterile ed inadeguato, anche se logicamente perfetto, quali diversi presupposti porre a fondamento di un nuovo assetto, dal momento che è evidente che con quelli tradizionali non è possibile affrontare la nuova realtà?