La fabbrica delle illusioni
Il falso sapere degli economisti smascherato nella storia dell'idea di capitale

Special Price €5,94

Prezzo Pieno: €6,99

* Campi Obbligatori

Special Price €5,94

Prezzo Pieno: €6,99

aggiungi al carrello aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2013
Rubbettino Editore, Economia e Finanza, Problemi e processi economici
isbn: 9788849839456
Cartaceo disponibile

È notorio che affermazioni e previsioni degli economisti sono normalmente inaffidabili, ma le ragioni dei loro insuccessi non sono altrettanto chiare. Per individuarle, il libro svolge un’approfondita indagine sulla storia dell’idea di “capitale” dalla sua comparsa nel XII secolo tra i mercanti genovesi fino ai dibattiti tra i teorici del XX secolo, tanto astrusi che i più consapevoli tra di loro ammettono di non capire nemmeno su che cosa di preciso si sta litigando. Da una tale prospettiva si distinguono bene le ragioni dello stato disastrato delle attuali teorie economiche ed emerge, ad esempio, quali sono i punti forti e quelli deboli della dottrina di Keynes. Viene pure in luce che per le società umane esiste un limite fisiologico per la possibile velocità di crescita dei consumi pro-capite. È un elemento nuovo che, oltre a rivelare le cause finora oscure dei cicli economici, permette di valutare bene quanto fuori strada sono finite le costruzioni degli economisti i quali, con l’eccezione di Thomas Malthus, non ne avvertono la presenza.

Potresti essere interessato ai seguenti libri