La democrazia nell'età moderna

A cura di ,

Special Price €34,00

Prezzo Pieno: €40,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Scaffale Universitario
2008, pp 566
Rubbettino Editore, Politica, Scienza e teoria politica
isbn: 9788849818161
La democrazia contemporanea, sia come forma di governo, sia come teoria del potere e concezione politica (e sociale), ha le sue origini nell'età moderna, quando si prepara l'incontro delle grandi tradizioni politiche dell'antichità, quella democratica ellenica e quella repubblicana romana. I suoi presupposti si trovano nella teoria del governo misto , da Machiavelli a Montesquieu ad Altusio, da Locke ad Hamilton fino a Hume ,, nel giusnaturalismo e nel contrattualismo. Le sue radici affondano nei dibattiti e nei movimenti popolari che, dalla guerra dei contadini all'epoca dello scisma luterano, giungono, attraverso la guerra civile puritana inglese del secolo successivo, fino alla Rivoluzione Americana e Francese. I suoi sviluppi dottrinali trovano suggestioni ed espressioni molteplici che, per un verso, dalla Seconda Scolastica arrivano a maturazione nella ottocentesca democrazia di ispirazione cristiana (preannunciata a partire dalla Francia), per l'altro, passano attraverso l'idealismo tedesco e le correnti del socialismo soprattutto inglese e francese e investono in pieno i principali indirizzi del Risorgimento italiano , da Mazzini a Cattaneo e Ferrari, ma anche a Pisacane, da Ventura all'ultimo Gioberti, ma anche al costituzionalismo di Rosmini , e, infine, si compiono nella battaglia per i diritti di cittadinanza femminile.
Emergono in questo processo due grandi linee, quella costituzionalistico-liberale e quella giacobino-radicale, che si incrociano, dal punto di vista geopolitico, con le altre due linee identificabili nell'esperimento nord-americano e in quello euro-continentale.
Di qui l'importanza, e l'utilità, grazie al contributo di giovani e meno giovani studiosi di varie università italiane, di risalire, oggi, epoca della globalizzazione in cui la democrazia sta attraversando una crisi non inferiore, anche se diversa, rispetto a quella superata nella prima metà del secolo XX, alle radici e alle fonti di una evoluzione durata ben quattro secoli.