La casa della memoria
La casa la famiglia i ricordi il paese di Corrado Alvaro

A cura di Antonio Strangio

Special Price €10,20

Prezzo Pieno: €12,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2005, pp 206
Rubbettino Editore, Fuori Catalogo
isbn: 8849811624
Introduzione di Aldo Maria Morace
L'infanzia e l'adolescenza e buona parte della giovinezza , scriveva Alvaro in Memoria e fantasia , rappresentano «l'inventario dell'universo, la riserva dei tempi in cui avrà cessato di parlare la fantasia». è la motivazione per cui il segreto dell'arte , dall'antichità sino al presente , non è stato se non «il prolungamento delle visioni dell'infanzia e dell'adolescenza. Pittori e scrittori hanno trovato infiniti misteri e popoli interi di figure tra le poche persone del loro paese», o trapiantando il loro mondo originario, con la ricchezza delle sue inquietudini conoscitive e delle sue articolazioni fantastiche, nelle peregrinazioni in terre diverse e tra i labirinti delle nuove realtà urbane. Consapevole che con la sua generazione si spegneva tutto un modo di concepire la natura, poiché la civiltà delle macchine stava creando una nuova razza di uomini, un nuovo paesaggio, una nuova estetica, Alvaro concludeva che l'imperativo etico dell'intellettuale, nel trapasso epocale tra due civiltà, è quello di vivere il proprio tempo restando sull'allarme, mentre quello dello scrittore, che vive in esilio l'altra parte della vita, è di continuare a nutrire la propria arte di nostalgia e di desiderio, con le intuizioni dell'infanzia e la leggerezza delle memorie che si riaccampano vive e vere dal contatto con una realtà irrimediabilmente diversa, dal quale promana la loro intrinseca felicità.
[...] Alla casa come epicentro degli affetti familiari, dei valori archetipici, delle memorie che illuminano il passato e colorano il presente del loro riflesso, è dedicato questo intenso 'quaderno' della Fondazione Alvaro, dovuto all'opera appassionata e sagace dell'équipe che si raccoglie volontaristicamente attorno all'istituzione, donandole il tempo che residua dal lavoro e dal sacrificio della vita familiare e consentendole di raggiungere traguardi prestigiosi e, apparentemente, impensabili. Il denso volume è articolato in nove capitoli attorno al tema tipicamente alvariano del viaggio: compiuto, questa volta, in un universo concentrazionario, costituito appunto dalla casa natale ed ora divenuto museo sacrale della memoria privata e letteraria dello scrittore.
(dall'Introduzione)