L'Umbria in camicia nera (1922 - 1943)

Special Price €27,20

Prezzo Pieno: €32,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Saggi
2011, pp 590
Rubbettino Editore, Storia, Storia d'Italia
isbn: 9788849830798
Prefazione di Alessandro Campi
Ai suoi esordi il fascismo umbro si caratterizza come reazione ai timori suscitati dal “biennio rosso”. Perugia è il centro da cui s’irradia l’azione squadrista. In pochi mesi il quadro politico regionale si capovolge: crollano i socialisti, si affermano le camicie nere. Per tutto il 1921 i rapporti del Pnf umbro con la centrale milanese sono conflittuali. La situazione migliora nel 1922, quando la leadership di Misuri viene soppiantata dalla diarchia di Bastianini e Felicioni. Anche in virtù di questo avvicendamento, l’Umbria dà un significativo contributo alla marcia su Roma. Per tutti gli anni Venti, il Pnf locale è lacerato da lotte intestine. Malgrado le divisioni, il fascismo umbro prospera e ottiene successi elettorali. Attraverso il dinamismo delle sue organizzazioni, l’iniziativa fascista penetra efficacemente nella società locale. Sorretto da un fomite di modernità, il fascismo accompagna i mutamenti dei costumi e dell’economia umbra. Fino alla guerra e al crollo del regime.