L'Impresa Internazionale tra Paesi di Common Law e MIST

Special Price €13,60

Prezzo Pieno: €16,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2019, pp 268
Rubbettino Editore, Economia e Finanza, Problemi e processi economici, Diritto
isbn: 9788849858556
Tag: mist, common law, internazionalizzazione, brics

Il manuale è uno strumento operativo destinato ai tecnici, ai giuristi ed agli operatori commerciali che desiderano guardare oltre i confini nazionali come punto di approdo o di sviluppo delle proprie attività imprenditoriali e professionali. Esso si pone come primo orientamento per l’utente dei servizi di internazionalizzazione ed ha come ulteriore obiettivo quello di riunire e sintetizzare alcuni tra i più importanti contributi italiani e stranieri in materia di internazionalizzazione pubblicati in cartaceo e sul web. In generale, la prima parte inquadra la tematica della internazionalizzazione ed è dedicata a definire meglio “il perché” un’impresa dovrebbe realizzare un processo di espansione estera; nella seconda parte si delinea in modo pratico e concreto “il come” una impresa dovrebbe operare all’estero; infine, nella terza parte lo scopo è evidenziare “il dove” una impresa potrebbe realizzare il suo piano di internazionalizzazione. L’opera evidenzia, in particolare, come la attività di internazionalizzazione di ogni singola impresa debba essere necessariamente valutata caso per caso, a seconda delle situazioni tecniche, delle condizioni giuridiche ed economiche del Paese in cui si intende investire e soprattutto degli accordi contrattuali specifici, nella convinzione che l’operatore commerciale, al fine di evitare controversie, debba sempre tenere in considerazione non solo gli aspetti operativi ma anche e soprattutto quelli giuridici. Ed infatti sullo sfondo si sono sempre tenute ben presenti le sostanziali differenze che si incontrano a seconda che si operi in ordinamenti di “Civil law” o di “Common law”; inoltre, particolare attenzione è stata prestata ai cosiddetti “Paesi Emergenti” ed ai nuovi mercati che rappresentano occasioni irrinunciabili per le piccole e medie imprese italiane.