L'immoralità no global

Special Price €6,80

Prezzo Pieno: €8,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Focus
2003, pp 88
Rubbettino Editore, Società e scienze sociali, Problemi e processi sociali, Biblioteca liberale, Focus
isbn: 9788849805147
Prefazione di Maurizio Cassano
Ancorché non si tratti di fenomeno del tutto nuovo, la globalizzazione ha creato apprensioni, alle quali si è risposto in varie forme: i no-global hanno posto l'accento sui problemi provocati dall'internazionalizzazione in contesti più o meno regolamentati; i semi-global hanno sottolineato la necessità di passare da modelli di regolamentazione per l'intera comunità internazionale; i global infine hanno documentato come la libertà economica sia un gioco a somma positiva per tutte le economie coinvolte, indipendentemente dal loro grado di sviluppo. In queste pagine si afferma invece che la globalizzazione è ben più che una questione di statistiche e simulazioni. È la possibilità, per l'individuo, di soddisfare le proprie preferenze con il minor sforzo possibile, distruggendo al tempo stesso i privilegi di coloro che, sfruttando protezioni statali di varia natura, prosperano a danno dei non-privilegiati (di solito i consumatori). In altri termini, la globalizzazione non è da difendere perché fonte di crescita, bensì perché è "giusta", ed è giusta perché amplia le possibilità di scelta dell'individuo. Chi vi si oppone è coerente e credibile solo se nega la dignità umana, cioè la capacità di scegliere e decidere autonomamente. Ai no-global incombe quindi l'onere di indicare i criteri religiosi, razziali, geografici, reddituali in base ai quali alcuni si ritengono in diritto di imporre agli altri le proprie valutazioni e le proprie preferenze.