L'Europa fra radici e progetto
Civiltà cristiana o relativismo etico?

Special Price €9,35

Prezzo Pieno: €11,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2005, pp 168
Rubbettino Editore, Fuori Catalogo
isbn: 8849813295
a cura di Fulvio Di Blasi e Giuseppe Romano
Si direbbe che per i cittadini dell'Europa odierna l'idea di Europa sia un concetto controverso. è palese che essi non riescono a riconoscersi in un'Europa costruita soltanto per via burocratica e monetaria, che cerca di aggirare le ragioni della propria identità con frasi sfumate, provando ad accontentare un po'' tutti. Occasioni come il referendum francese hanno dimostrato che gli europei non sono disposti a lasciarsi abbindolare da simili finzioni di convenienza.
Chi d'altra parte è convinto che costruire l'Europa sia non soltanto una convenienza, ma addirittura una necessità storica e una missione ideale, è tenuto a cercare strade che transitino dal cuore del problema, senza eludere temi forti e ragioni impegnative. Se, in altre parole, si vuole elaborare un credibile progetto d'Europa, è necessario addentrarsi nelle sue radici ideali e culturali e parlare a chiare lettere di quel "continente spirituale" i cui contorni sono più netti e meno labili di quanto non lo siano i confini geografici.
è quanto si propone questo libro, mettendo in sequenza riflessioni di studiosi italiani e stranieri - fra i quali Marcello Pera, Rocco Buttiglione, Massimo Introvigne, Roberto de Mattei, Ralph McInerney - per tracciare i lineamenti di un "percorso europeistico" la cui dignità sia basata sulla verità e sulla pienezza dei fondamenti culturali.
Non si può chiedere di meno all'identità dell'Europa. Su di essa infatti dovrà fondarsi il prossimo ruolo del nostro continente nella civiltà planetaria che - fra tentativi e lacerazioni, fra la globalizzazione e il terrorismo globale - stiamo tentando di costruire.