Marco Centorrino, Ferdinando Ofria
L'economia della contraffazione
Un falllimento di mercato

Special Price €8,50

Prezzo Pieno: €10,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Mercato Istituzioni Sviluppo
2004, pp 108
Rubbettino Editore, Fuori Catalogo
isbn: 9788849810684
Prefazione di Cesare Imbriani
Il fenomeno della contraffazione sembra oggi penalizzare l’economia italiana sotto diversi profili. Produce, infatti, danni elevati: i) ai consumatori, se inconsapevoli o, comunque, ignari dei rischi che corrono utilizzando componenti non omologati; ii) alle imprese, per la perdita di fatturato che devono subire e per i costi che devono sostenere nel difendere i loro prodotti; iii) agli Stati, negli aspetti connessi alla fiscalità e alle attività criminose cui spesso la contraffazione si accompagna, come quelle legate sia allo sfruttamento del lavoro (anche minorile) per la produzione, sia al fatto che la maggior parte degli introiti finisce nelle mani delle organizzazioni criminali. Capitali poi riciclati attraverso operazioni finanziarie nell’economia legale, oppure reinvestiti in ulteriori attività delittuose (ad es. traffico di droga o di armi). Al tempo stesso, l’analisi dell’economia legata alla contraffazione svela comportamenti inediti sul piano della domanda e dell’offerta. La contraffazione appare contemporaneamente variabile strutturale della produzione, mercato parallelo, area di continuo ridisegno del limite tra legalità ed illegalità. È possibile realizzare politiche efficaci contro la contraffazione? Questa è una delle domande cui questo saggio prova a rispondere. Non prima però di aver ricostruito nei suoi tratti fondamentali l’economia appunto della contraffazione. In particolare, nel primo capitolo si definisce il termine contraffazione, in chiave giuridica e sociologica; nel secondo, si ricostruisce un quadro quantitativo del fenomeno a livello internazionale e nazionale; nel terzo, si espongono alcuni recenti e più eclatanti casi del fenomeno; nel quarto, ci si sofferma a identificare le cause che, in qualche caso, orientano la società attuale verso il consumo “consapevole” del bene contraffatto. Nell’ultimo capitolo, infine, si traggono alcune riflessioni conclusive, alla luce della recente legislazione, su possibili “policy” di contrasto al fenomeno.