Marco Di Ruzza
L'America Latina sulla scena globale
Nuovi lineamenti geopolitici di un continente in crescita

Special Price €17,00

Prezzo Pieno: €20,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Saggi
2011, pp 360
Rubbettino Editore, Storia, Storia generale e mondiale
isbn: 9788849831245
Prefazione di Vincenzo Scotti

Spesso trascurata dai grandi circuiti di attenzione mediatica e considerata geopoliticamente irrilevante per la tradizionale dipendenza dalla potenza statunitense, di cui era raffigurata quale “cortile di casa”, l’America Latina negli ultimi anni è andata guadagnando una maggiore centralità nello scacchiere globale. Ottimi trend di crescita economica, come testimoniato dalla presenza di tre Paesi dell’area nel G 20, più ampia apertura al commercio internazionale, un apprezzabile consolidamento dei processi democratici (che allontanano il ricordo di passati regimi autoritari) propongono un’immagine nuova e dinamica del subcontinente. L’impetuosa crescita del Brasile, sul piano politico ed economico, ha inoltre dotato l’America Latina di una forza motrice per i processi di integrazione regionale che, arricchitisi di nuove iniziative (quali l’Unasur), possono favorirne stabilità e sviluppo. Dal canto suo, anche l’irrompere del Venezuela chavista e la sua politica di alleanze in un’ottica di antagonismo verso Washington ha profondamente alterato le consuete linee della geografia politica regionale. Oltre agli Stati Uniti ed ai Paesi europei, nuove forze a livello mondiale – Cina e Russia, su tutte – stanno scoprendo il gusto della collaborazione con gli Stati latinoamericani e ne sono diventati partner di rilevanza strategica. Un ampio ventaglio di motivazioni giustifica pertanto l’attuale interesse che l’America Latina riesce a suscitare nell’attuale panorama «globalizzato». Il presente volume, scritto da un diplomatico di carriera, propone un’agile e penetrante analisi dei nuovi scenari latinoamericani, che si distingue per assoluta attualità e completezza. Lo studio porta in primo piano, sotto molteplici angolazioni, una regione a tutti gli effetti emergente e con la quale l’Italia vanta un’antica tradizione di amicizia e collaborazione, che la annovera da sempre tra le direttrici privilegiate della politica estera nazionale.