Leonardo Cascini, Domenico Guida, Roberto Lanzara
Il Sistema Informativo del Presidio Territoriale SITpt©

Special Price €13,60

Prezzo Pieno: €16,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2006, pp 100+CD
Rubbettino Editore
isbn: 9788849809633
Presentazione di Lucio Ubertini Uno dei principali problemi da affrontare nel corso di una emergenza è rappresentato dalla qualità e dalla disponibilità, in tempo reale, dei dati territoriali di supporto alle decisioni di protezione civile. Nell'ambito della gestione scientifica dell'Emergenza Idrogeologica in Campania, dichiarata a seguito degli eventi del maggio 1998, questo aspetto è stato particolarmente curato, anche in considerazione del numero rilevante di tematismi elaborati dai gruppi di lavoro impegnati nello svolgimento delle attività coordinate dall'U.O. 2.38 del G.N.D.C.I.
In tale ottica si è, quindi, dedicata fin dall'inizio particolare attenzione alle attività riguardanti l'archiviazione, la sistematizzazione e la diffusione dei dati pertinenti, che hanno consentito di rendere immediatamente disponibili a tutti gli operatori gli elaborati testuali, fotografici e cartografici prodotti, eon immediati benefici per le attività di coordinamento e di supporto alle decisioni operative.
In particolare, molto significativa è risultata l'implementazione del sistema di gestione dei dati acquisiti nel corso delle attività svolte dal Presidio Territoriale, mediante il quale si sono notevolmente approfondite le conoscenze sul contesto fisico di riferimento, indispensabili per una progettazione scientificamente basata delle opere di mitigazione del rischio e per la predisposizione di idonee misure di salvaguardia delle popolazioni residenti nelle aree a rischio.
La valenza delle azioni di Presidio Territoriale, unitamente alla volontà di non disperdere il patrimonio delle conoscenze acquisite e delle metodologie innovative sperimentate, hanno consigliato la creazione di uno Sistema Informativo Territoriale dettagliatamente illustrato nella presente monografia.
In definitiva, il Sistema Informativo Territoriale predisposto dagli Autori risulta molto ben strutturato e rappresenta certamente una preziosa fonte di dati ed un valido esempio metodologico per quanti volessero estendere l'esperienza maturata anche a contesti geoambientali differenti da quelli coinvolti dalla grave emergenza campana del maggio 1998.
Un vivo rigraziamento va, pertanto, agli operatori di presidio, per l'impegno profuso e la competenza dimostrata, ed agli Autori del presente volume, per aver reso disponibile ed accessibile una banca dati territoriale di rilevante valenza tecnica e scientifica.
Lucio Ubertini