"Il Saggiatore", l'antifascismo meridionale (Avvenire)

di Redazione, del 17 luglio 2013

Da Avvenire del 17/07/2013

Contro il fascismo che dilaga in Italia negli anni immediatamente successivi alla marcia su Roma del 1922, un gruppo di giovani studiosi meridionali - letterati, storici, giuristi, economisti - fa sentire la sua tenue, ma ferma e coraggiosa, voce attraverso la rivista "Il Saggiatore" di Gherardo Marone , impegnata a diffondere messaggi di libertà, democrazia e giustizia, con lo sguardo rivolto all'Europa nella speranza di una dittatura transitoria. Il primo numero è stampato a Napoli nelle ultime settimane del 1924. Usciranno solo sei fascicoli, perché nel giugno 1925 la censura imporrà il silenzio. Il volume "Una battaglia per la libertà" di Sergio Zoppi (Rubbettino, pagine 202, euro 14,00) ricostruisce la nascita della rivista e ripercorre l'azione di questi intellettuali che, per alcuni mesi, seppero offrire ai lettori un periodico elevato nei contenuti, alimentato dagli ideali, dai programmi e dall'azione vigorosa di Giovanni Amendola.

                             
                              Clicca qui per acquistare "Una battaglia per la libertà" al 15% di sconto