Il pensiero e le forme
Dialoghi al futuro G.C. Argan, M. Rotella, G. Dorfles, A. Perilli, E. Carmi, E. Crispolti, M. Delle Site, S. Miglietta, S. Fiume, L.M. Patella, C. Berlingieri, C. Pozzati, P. Restany, F. Summa, A. Mendini, F. Purini, P. Portoghesi

Special Price €12,75

Prezzo Pieno: €15,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Scaffale universitario
2008, pp 128
Rubbettino Editore, Arte
isbn: 9788849820706
Il Pensiero e le Forme - Dialoghi al futuro è un racconto affascinante sull’arte, l’architettura e la città, nel passaggio epocale tra nuove e inedite configurazioni, attraverso l’incontro di Fernando Miglietta con i maggiori protagonisti dell’arte e della cultura italiana. Artisti, architetti, critici, teorici - Giulio Carlo Argan, Mimmo Rotella, Gillo Dorfles, Achille Perilli, Eugenio Carmi, Enrico Crispolti, Mino Delle Site, Sergio Miglietta, Salvatore Fiume, Luca Maria Patella, Cesare Berlingeri, Concetto Pozzati, Pierre Restany, Franco Summa, Alessandro Mendini, Franco Purini, Paolo Portoghesi - raccontano in un dialogo intenso con Fernando Miglietta la loro esperienza di ricerca, le loro inquietudini, i loro sogni. Un vero e proprio “processo al Novecento” (dalla grande rottura della tradizione alla ricerca del pensiero non come forma logica figurativa ma come astrazione, alla rivoluzione dei linguaggi, l’uso dei nuovi media; le grandi trasformazioni urbane e la “crisi” di progettualità; l’arte di costruire la città e la nuova alleanza con la natura; la costruzione di una fabbrica del “sogno” e della “luce”; la conquista di un vocabolario senza tempo; il disegno, la memoria, la poesia, il trionfo dell’immaterialità; la nuova condizione di libertà e di complessità, l’identità globale, il pensiero teorico, le emozioni, le forme), che delinea un “manifesto” della rinascita del pensiero dell’utopia come condizione estrema di salvezza. Un confronto illuminante nell’arco di un trentennio, 1980-2006, tra interrogativi, progetti e utopie, con un artista-architetto, teorico della “creatività plurale”, da sempre impegnato in un dialogo tra culture diverse a coniugare pensiero e forme della contemporaneità.