Il mito del vampiro
Da demone della morte nera a spettro della modernità

Special Price €13,50

Prezzo Pieno: €18,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Le nottole di Minerva
2010, pp 322
Rubbettino Editore, Società e scienze sociali, Studi culturali
isbn: 9788849827095
Perché, dopo aver rappresentato per un tempoimmemorabile il demone della peste, il vampiroè comparso improvvisamente sulla scenadell'immaginario europeo verso il 1732 per nonuscirne mai più? Perché ha esordito nellaletteratura nel 1819 con il racconto The Vampiredi Polidori e da allora vi ha svolto un ruoloda protagonista? Perché la sua figura haraggiunto il completo sviluppo nel 1897 conil romanzo di Bram Stoker incarnandosi in modofelice nel personaggio del conte Draculae, da quel momento, ha continuato a richiamaretorme di lettori insaziabili? Il significato di tuttaquesta vicenda ha un sapore misterioso.Infatti, è un mistero che il vampiro, con la suavoracità di sangue, con il suo carattere di nonmorto, con la sua capacità di mutarsiin pipistrello, abbia avuto la forza di sostituirel'immagine del diavolo quale compiutaespressione del male entro il mondo moderno.Come ogni mito rappresenta un aspettoessenziale della propria epoca, quellodel vampiro svolge tale funzione entrola modernità: esso esprime il volto oscurodi un mondo senza radici dominato dal solenero della melanconia, di un mondo di degradoaffettivo in angosciosa attesa che sopraggiungada fantastiche lontananze il Persecutore,l'incubo moderno la cui perfetta figura è quelladi Dracula.Quest'opera si propone di ricostruirela fenomenologia del mito del vampiro, a partiredai suoi più lontani trascorsi folkloricie medievali, per indagare lo sviluppo dellasua figura entro la cultura illuministicae romantica. Questa molteplicità di percorsipermette di cogliere tutta la densità storicae critica dell'immagine del vampiro qualespettro del nichilismo moderno.Il saggio è corredato da un ampio apparatocritico di tavole e di indici e da un riccorepertorio di illustrazioni collegate al testo.