Il ministro soldato. Vita di Guido Jung

Special Price €18,70

Prezzo Pieno: €22,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Scaffale Universitario
2009, pp 456
Rubbettino Editore
isbn: 8849824896
La biografia di Guido Jung è la storia di un esponente della borghesia commerciale meridionale nella prima metà del XX secolo, e della sua ascesa verso le vette della carriera politica durante il fascismo. Testimonia, però, anche la lotta di una generazione per l’affermazione di valori come patria, nazione, famiglia e la loro sconfitta verso il paradosso della violenza, della sopraffazione e dell’inciviltà. È una storia da vicino e dal basso che cerca di cogliere il senso, e con esso la cifra e il carattere, della filosofia esistenziale di Jung, rendendo conto del suo straordinario attivismo. Il lettore è chiamato a seguire lo sviluppo di diversi temi e personaggi; così, dalla famiglia si passa all’attività commerciale, dalla guerra al dopoguerra, dal fascismo al regime, dall’impero al razzismo, analizzando la posizione di Jung e quella delle persone a lui vicine, familiari, amici o referenti. Mussolini, D’Annunzio, Di Cesarò, De’ Stefani, Pirelli, Caetani, Ara, Di Veroli, Beneduce, Sinigaglia, Menichella, Mattioli, Badoglio sono soltanto alcuni fra i suoi principali interlocutori. È un libro sull’economia e la politica del fascismo, sulla gestione del potere, sulla guerra, sul militarismo e sul razzismo. È un libro sulla famiglia e sull’amicizia, sulla disciplina e sulla capacità di lavoro, sulle passioni umane e sul disinteresse. È un libro sulla forza e sulla debolezza, sulla resistenza e sulla fragilità, sull’amore come condizione di vita necessaria, ma non sufficiente.