Marino Biondi
Il discorso letterario sulla nazione
Letteratura e storia d'Italia

Special Price €13,60

Prezzo Pieno: €16,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Saggi
2012, pp 306
Rubbettino Editore, Letteratura, Poesia e Teatro
isbn: 9788849833423
Il volume è un’analisi dei temi e delle figure letterarie che fondano nei secoli l’unità della nazione in cammino. L’Italia nasce linguisticamente e letterariamente con Dante, battezzata dal poeta come «giardin dell’impero» e fin dal principio trasfigurata in un’allegoria letteraria. In seguito più volte battezzata e visualizzata in figura di donna, il «bel corpo» petrarchesco martoriato dalle «piaghe mortali», di giovane matrona sventurata percorsa e violata dagli eserciti stranieri. Da Petrarca a Bembo a Carducci, l’Italia viene effigiata come un’espressione letteraria, alla quale la rude realpolitik di Metternich opponeva quella sprezzante e politicamente obiettiva di espressione geografica. L’unità linguistico-letteraria, preesiste all’Unità politica, la sostituisce a lungo nel tempo, la prepara, attivandosi allorché il moto politico del Risorgimento innesta anche la marcia della poesia, del racconto e romanzo epico, della letteratura. Anche Mazzini era un letterato. E Garibaldi leggeva e imitava Foscolo e scriveva versi e romanzi non poi così disprezzabili. Raramente la letteratura ha avuto un ruolo così centrale e anche fattivo, pragmatico, di vera e propria utilità, come in quella circostanza storica. Il Risorgimento è anche un evento letterario, ed è al contempo una manifestazione del romanticismo.