Il Dio sbagliato

Special Price €7,75

Prezzo Pieno: €10,33

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2002, pp 154
Rubbettino Editore, Filosofia e Religione, Storia della filosofia occidentale
isbn: 9788849802085
Questo piccolo studio tenta di comprendere come sia fatto un essere che progetta di farsi Dio, tentando di conoscere quale sia la natura di una creatura che sogna di farsi Creatore: tenta insomma di pensare l'uomo. E nel volgersi all'uomo ne dice il tratto essenziale indicandolo nel suo essere coscienza del negativo. l'uomo è essenzialmente quell'essere che sa del proprio non essere: che avverte se stesso come trama originaria dell'essere e della sua negazione. E proprio in quanto si sente abitato, posseduto dal negativo l'uomo fa esperienza della sua identità come non puramente ''sua'' e avverte che i confini di quel mondo che egli pure è, e che dice ''suo mondo'', non sono per lui realmente determinabili, conoscibili e tanto meno sono per lui realmente difendibili. Ora, del cammino intrapreso dagli uomini per liberarsi dalla negazione che li abitava possedensoli, queste pagine vogliono essere il racconto. Un racconto che vuole evocare quel primo passo sulla via della separazione assoluta dell'essere dal non essere (sulla via del nulla e della follia), che è l'azione più bella dell'uomo ed insieme il suo errore più grande. Ma che vuole dire anche dell'ultimo tratto di questo cammino degli uomini al fondo della loro follia: del tratto del'uomo-Dio, del nulla di Dio e del Dio del Nulla: di quel tratto che noi stessi siamo.