il Crotonese
Un giornale, un territorio (1980-2005)

Special Price €11,90

Prezzo Pieno: €14,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2005, pp 232
Rubbettino Editore, Fuori Catalogo
isbn: 884981335X
Prefazione di Fulvio Mazza
«il Crotonese è un vero e proprio fenomeno editoriale/imprenditoriale dell'industria dei media locali italiani. Un caso certamente non unico ma, altrettanto certamente, emblematico di come , anche e soprattutto nel nostro Mezzogiorno , [...] si possa fare impresa in modo sano e produttivo, mutando una posizione di difficoltà in una di eccellenza. E di come, dal punto di vista strettamente editoriale, si possa fare giornalismo vero e non asservito».
Con tali parole lo storico Fulvio Mazza inizia la prefazione a questo denso libro di Raffaella Guarascio, dedicato a quel piccolo/grande fenomeno che è, appunto, il bisettimanale il Crotonese.
Un giornale che è, un po' sul modello de la Repubblica, un“giornale-partito” e non invece un semplice“giornale-contenitore”, quali tanti ce ne sono in Italia.
il Crotonese , e il testo della giovane autrice ben lo mette in evidenza , rappresenta l'esempio di un organo di stampa che non teme, soprattutto nel dibattito politico, di schierarsi apertamente e chiaramente. Magari rischia di farsi nemici, altolocati e non, però non esita a gettarsi nella mischia, a“sporcarsi” le mani e ad affrontare anche la contrarietà dell'opinione pubblica pur di esprimere quell'idea che ritiene più giusta.
Un giornale che ha fatto della cronaca (e dello sport) il cavallo vincente di un successo di vendite da far invidia a qualsiasi editore. Ma che, nello stesso tempo, ha saputo limitare la cronaca stessa rispettando la privacy e i più deboli non rendendo noti i meri avvisi di garanzia, non pubblicando notizie sui suicidi, tutelando veramente i minori dal crescente voyeurismo dei nostri tempi.
Un approccio certamente popolare, dunque, ma con forti innesti nell'economia e nella cultura, tanto da diventare uno dei giornali meridionali con un maggior apporto specifico di settori, quali quelli testé citati, che solitamente non rappresentano un gran veicolo di vendite.