«Gramsci e Turati», il Pd si interroga sulle due sinistre ()

di Redazione, del 06 luglio 2012

Da La Provincia-Latina - 6 luglio 2012
«Gramsci e Turati. Le due sinistre» è il titolo del volume del professore Alessandro Orsini pubblicato dall'editore Rubbettino. Il libro verrà presentato nel pomeriggio di oggi, alle ore 17 e 30, presso La Feltrinelli Libri e Musica in via Armando Diaz a Latina. Oltre all'autore, interverranno Giorgio De Marchis, capogruppo del Partito democratico in consiglio comunale; Massimo Passamonti, ex segretario del Partito socialista italiano; Ornar Sarubbo, consigliere comunale del Pd. Alessandro Panigutti, direttore del quotidiano Latina Oggi, modererà il dibattito.

Gli organizzatori sostengono che sarà un interessante incontro di riflessione sul tema «che cosa significa essere di sinistra», che a livello nazionale, spiegano dal Pd, ha suscitato accese polemiche e un dibattito piuttosto vivace. «Abbiamo scelto di organizzare questo dibattito su un tema forte e anche provocatorio - dichiara De Marchis - perché pensiamo che sia importante riflettere oggi, dopo la scomparsa dei partiti storici della sinistra, sui valori e su cosa significhi essere di sinistra soprattutto in riferimento alle giovani generazioni. Personalmente - aggiunge - mi trovo a metà tra le due culture, quella di Gramsci e quella di Turati. Nasco politicamente in una esperienza socialista riformista e poi ho militato nel Pds, ultima propaggine del vecchio Partito comunista italiano. Avendo vissuto le due esperienze - spiega l'esponente locale del Pd - sono convinto che valori positivi e limiti siano in entrambe e che oggi per rilanciare l'idea della sinistra sia necessario ripartire dalla condivisione della storia del Paese degli ultimi 91 anni, quelli che ci dividono dal congresso di Livorno. E questo quello che tenteremo di fare parlando di sinistra - conclude Giorgio De Marchis - in una città che da sempre vede la sinistra minoritaria».