Giovanni Tocci
Governance urbana e Democrazia elettronica

Special Price €10,20

Prezzo Pieno: €12,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Scaffale Universitario
2007, pp 220
Rubbettino Editore, Fuori Catalogo
isbn: 9788849816433
L'avvento delle tecnologie informatiche e della comunicazione ha modificato il modo di pensare e gestire il governo delle città, non soltanto in relazione a una diversa pianificazione della sfera amministrativa e politica in senso stretto. Esse hanno di fatto cambiato il modo di intendere l'organizzazione della vita pubblica dei centri cittadini e, soprattutto, il rapporto tra cittadinanza e istituzioni. Con riferimento a questo nuovo scenario politico-sociale il volume offre una descrizione del processo di governance, facilitato dalle nuove tecnologie, all'interno dei contesti urbani.
Il lavoro parte da un approccio teorico, in linea con una visione di un processo circolare dell'innovazione, secondo cui la tecnologia non produce di per sé innovazione, ma sono i processi sociali in evoluzione che tendono ad appropriarsi del mezzo tecnologico.
La tesi sviluppata nel libro è che i processi di e-governance, nel ridurre le distanze fra le parti coinvolte, tendono a produrre forme di partecipazione e interazione più ampie mutando così il rapporto tra attori pubblici e privati. Attraverso questa mutata relazione, essi possono diventare uno strumento efficace per il miglioramento delle modalità di governo delle città.
La ricerca sul campo , condotta nelle città di Torino e Stoccolma , ha rilevato elementi di distinzione, che si esplicitano nella presenza di differenze culturali e istituzionali, connaturati essenzialmente nelle consuetudini civiche e nelle azioni politiche consolidate nei rispettivi contesti. I risultati tendono a evidenziare come gli strumenti tecnologici non siano da soli sufficienti e tali da indurre maggiore partecipazione alle scelte politiche rilevanti: in assenza di una forte domanda sociale e di una intensa sensibilizzazione dal basso, la tecnologia da sola non basta e anzi, in certi casi, rischia di riservare ad“élites tecnocratiche” parti importanti dei processi decisionali.