Giuseppe Pella (1902 - 1981)
Raccolta di discorsi, interviste e scritti sell'Europa 1950 - 1960

A cura di

Special Price €16,15

Prezzo Pieno: €19,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2013, pp 348
Rubbettino Editore, Biografie e storie vere, Biografie, Personaggi storici, politici e militari, Biblioteca liberale
isbn: 9788849835533
Il contributo della generazione post degasperiana alla costruzione europea è ancora troppo poco approfondito dalla nostra storiografia. Con questo lavoro Gianluca Susta, vuole, con l’occhio attento all’attualità del dibattito sul futuro dell’Europa e sulla necessità/opportunità di un rafforzamento del suo processo di integrazione, togliere dall’oblio l’intenso lavoro profuso da Giuseppe Pella negli anni ‘50 per la costruzione europea. Da queste pagine esce un ritratto inedito di Pella, molto distante dallo stereotipo del “cattolico di destra, vagamente nazionalista …”. Dai discorsi, dagli atti parlamentari, dalle interviste qui riportate emerge chiaramente il suo profilo europeista e occidentale, in netta contrapposizione a quello nazionalista a lui generalmente attribuito dopo la tensione per i fatti di Trieste. Certo, non fu indulgente con le politiche keynesiane del “deficit spending” e fu una “vestale” del rigore di bilancio, il che lo fece additare come di “destra” dalle sinistre, anche interne alla DC, in un’epoca in cui i profondi mutamenti economici e sociali intervenuti nel passaggio da una economia rurale a una industriale misero al centro della “questione democratica” la “questione sociale”. Resta, comunque, integro il contributo dato dal politico biellese al processo di costruzione dell’Europa che conosciamo, alla sua architettura istituzionale, basata su convinzioni che, lette oggi, assumono una valenza quasi profetica, come questa: “l’Europa rimane l’ideale da raggiungere, la meta verso la quale tenacemente dobbiamo dirigere ogni nostro sforzo....Vogliamo creare l’Europa ispirata al concetto di soprannazionalità, costruita non contro le nazioni ma con la collaborazione sincera delle nazioni. L’avvenire dell’Europa è nella sua forza di coesione, nella sua volontà di integrazione...”. Parole più che mai attuali e che rappresentano, da sole, un grande progetto politico e civile.