Giampiero Mughini: nelle lettere tra Sciascia e La Cava c'è l'Italia di mezzo secolo fa (Libero)

di Giampiero Mughini, del 31 ottobre 2012

Da Libero - 31 ottobre 2012
[...] È appena uscito in Italia un libro in cui due scrittori italiani, il siciliano Leonardo Sciascia e il calabrese Mario La Cava, per trent’anni (dalla fine dei Cinquanta alla fine degli Ottanta, quando morirono uno dopo l’altro a distanza di un anno) si scambiano lettere intense e amicali in cui ci fanno capire che cos’era l’Italia di mezzo secolo fa.
Il calabrese La Cava scrive a Sciascia che nel suo paese i partiti della sinistra avevano raccomandato di non andare ai funerali dei ricchi. Se erano ricchi, vuol dire che erano malvagi e zozzi, che non meritavano commozione e pietà. Solo i poveri meritavano commozione e pietà, alla luce di quel bigottismo feroce e spietato. [...]


Di Giampiero Mughini