"Generazione tradita": memorie utili al futuro (Il Quotidiano di Lecce)

di Massimo Melillo, del 19 febbraio 2016

Generazione tradita

Dal dopoguerra a Tangentopoli controcanto alla saga dell'inganno

Da Il Quotidiano di Lecce del 18 febbraio

Quella che racconta Antonio Giagni nel suo recente libro "Generazione tradita. Dal Dopoguerra a Tangentopoli controcanto alla saga dell'inganno" (Rubbettino, 220 pagine, euro 16) è stata una straordinaria stagione culturale e politica segnata da grandi ideali e passioni, da esaltanti vittorie e terribili sconfitte. È la storia di un uomo che attraversa il secondo dopoguerra, la ricostruzione di un paese distrutto dal conflitto voluto dai nazisti tedeschi di Hitler e dai fascisti italiani di Mussolini, gli anni dello scontro sociale di classe e della difesa della Costituzione, il boom economico dei Sessanta, la protesta giovanile e operaia del '68, il terrorismo e il tempo del cosiddetto riflusso, il rapimento e l'assassinio di Moro e della sua scorta, spartiacque tra un prima e un dopo, il crollo del Muro di Berlino, l'imporsi dell'io che prende il posto del noi, il ventennio craxiano che qualcuno rivaluta e che invece andrebbe messo sotto la lente d'ingrandimento per la scia di miserie venute a galla, il fango di Tangentopoli quando l'abbrivio della corruzione ebbe la meglio sugli ideali e la dissoluzione di quelli che venivano chiamati i partiti di massa per fare posto ad una mai nata seconda repubblica, sino al vago orizzonte dei nostri giorni con tutto il peso dell'incertezza del futuro.
A ben riflettere quello che più prossimamente ci si lascia alle spalle potrebbe generare un pessimismo della ragione ma, nonostante tutto, in "Generazione tradita" prevale il senso gramsciano dell'ottimismo della volontà e la fiducia nel divenire storico il che non è poco per chi come l'autore si avvia lucidamente verso gli ottanta. Giagni, lucano di Potenza, per molti decenni è stato uno storico giornalista dell'Avanti!, quotidiano socialista e secolare voce della classe operaia italiana finito in mani che nulla avevano a che fare con le tradizioni profondamente socialiste, che animarono Andrea Costa e Filippo Turati, Pietro Nenni e Riccardo Lombardi, Antonio Giolitti e Francesco De Martino, Giacomo Mancini e Sandro Pertini, esemplare figura di antifascista e amatissimo presidente della Repubblica.
Quell'Avanti! è stata una fucina di giornalisti, che hanno contribuito attraverso la propria professionalità e il loro impegno di militanti a rendere migliore il nostro Paese e Antonio Giagni ne è la testimonianza più appropriata sin da quando iniziò a muovere i primi passi nella redazione potentina de "La Basilicata", il bellissimo settimanale di Leonardo Sacco che aveva sede a Matera.
"Generazione tradita" è certo una storia individuale che assume, però, contorni e risvolti collettivi, che riguardano la storia di tutti noi a partire, per esempio, dal "caso Cavtat", la nave jugoslava affondata a Otranto con il suo carico di veleni tossici, su cui indagò l'allora giovane magistrato Alberto Maritati. È così, dunque, che il genere della memorialistica aiuta a rimettere insieme pezzi di storia, che a partire da quella di Antonio Giagni fa sì che le stagioni del nostro passato vengano ricomposte per meglio definire il profilo di un possibile futuro.

di Massimo Melillo

clicca "generazione tradita" per acquistare il volume con il 15% di sconto