Frammenti di identità ed etica prefettorale

Special Price €12,75

Prezzo Pieno: €15,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: La Politica
2006, pp 234
Rubbettino Editore, Diritto
isbn: 9788849814576
Prefazione di Dario Antiseri
Soprattutto è un libro di etica pubblica. Le Istituzioni, diceva De Capraris, sono anche una passione. E la passione è tanto più nobile quanto più elevate e umane sono le idee e gli ideali che si sostanziano in quelle regole di comportamento che sono appunto le Istituzioni. Ed è proprio su una“sistematica valoriale” in grado di individuare i lineamenti di fondo dell'identità e della funzione prefettizia che Carlo Mosca ritorna con insistenza nelle pagine che seguono ,“un'identità fatta di valori e di cultura antica, di capacità e di intelligenza”. L'etica del bene comune, l'etica della legalità, l'etica della libertà uguale e solidale, l'etica della coesione, l'etica della responsabilità: queste, le grandi idealità che restano e debbono restare in una società che cambia.
è anche un libro di storia, dove le vicende dei prefetti e delle prefetture si intessono con la storia del nostro Paese. Ma è un libro di una storia da cui si traggono insegnamenti: è in fondo un'opera pedagogica rivolta, anche se non solo a loro, ai suoi più giovani colleghi. è, inoltre, un libro ricolmo di riconoscenza per i colleghi più anziani , e per quelli deceduti , che, quasi sempre nel silenzio e più spesso ancora nell'incomprensione, sono stati“testimoni di valori più alti”,“testimoni di un servizio reso alla Comunità nazionale [...] fedeli servitori dello Stato repubblicano e delle sue Istituzioni”. Un libro, quindi, in grado di arricchire la cultura“politica” del più ampio pubblico. Tuttavia, se mi si chiedesse di esprimere in poche parole il messaggio centrale, essenziale, contenuto nel libro del prefetto Mosca, direi che esso costituisce una articolata e convincente replica a distanza di alcuni decenni, all'iniziale anatema einaudiano nei confronti della figura prefettizia, una replica fondata, esattamente, sulle ragioni etiche della figura del prefetto. dalla prefazione di Dario Antiseri)