,
Flessibilità VS precarietà
Il Jobs Act di Matteo Renzi da che parte sta?

Special Price €11,90

Prezzo Pieno: €14,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2015, pp 128
Rubbettino Editore, Società e scienze sociali, Problemi e processi sociali
isbn: 9788849843446
Prefazione di Maurizio Sacconi

La confusione regna sovrana quando si parla di lavoro. Prevale la propaganda a scapito della ragionevolezza e della comprensione dei reali processi in atto nell’economia e nei modelli di organizzazione del lavoro. In questo caos mediatico posizioni largamente minoritarie nel Paese trovano terreno fertile per affermarsi come idee prevalenti. È passato il messaggio “sbagliato”, ossia l’equiparazione di due concetti profondamente distinti ma rappresentati, soprattutto nel “circo mediatico”, come sinonimi e intercambiabili: parliamo di flessibilità e precarietà. Qualsiasi rapporto o contratto di lavoro a tempo è identificato con l’aggettivo “precario” senza nessun distinguo. Non esiste più il concetto di flessibilità ma solo quello di precarietà che l’ha fagocitato e metabolizzato. La realtà, però, è un’altra. Flessibilità e precarietà non sono sinonimi ma concetti contrapposti. La flessibilità è positiva ed è distinta dalla precarietà. Questo libro spiega perché, con l’ambizione di riaffermare le giuste differenze.