Europae 1/2008
Quadrimestrale di affari europei

Special Price €17,00

Prezzo Pieno: €20,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana:
2008, pp 152
Rubbettino Editore, Riviste, Europae, 2008
isbn: 1974271180001
l concetto di “Europa” costituisce oggi un elemento fondamentale per dare un criterio interpretativo ordinatore al processo di progressiva costruzione di istituzioni politiche, economiche, culturali in grado di assicurare processi di pacifica integrazione e crescente sviluppo per le persone e le comunità che vivono nel contesto geografico storicamente identificato con questo nome. Con questa rivista si ha l’ambizione di offrire un ulteriore strumento di conoscenza, analisi e riflessione sul processo di integrazione europea. La Fondazione Collegio Europeo di Parma e la Fondazione Rubbettino intendono realizzare un progetto editoriale che raccolga contributi che, grazie all’alta qualificazione dei loro autori, diano informazioni utili e riflessioni stimolanti sugli aspetti, di tempo in tempo, ritenuti di maggiore interesse nella prospettiva della costruzione di una reale unità di tutti i popoli che, attraverso l’adesione dei loro Stati, hanno imboccato la via della costruzione di una Unione politica, economica, sociale. Una Unione basata sulla comune adesione ai valori del rispetto della persona umana, della libertà dei cittadini, di una pacifica convivenza realizzata grazie alla tutela delle differenti identità individuali e collettive. Ambizione comune delle due Fondazioni è di fare di questa rivista uno strumento di confronto libero fra le idee, le proposte, le interpretazioni del processo di integrazione europea di tutti coloro che vedono nell’obiettivo di una Unione Europea coesa, efficiente, capace di politiche comuni a tutela della libertà e del benessere e della pace, uno degli obiettivi storici più ambiziosi ma più stimolanti. La speranza e l’auspicio è che questa rivista sappia guadagnarsi l’attenzione e l’interesse di coloro che sono e si sentono coinvolti, non come semplici spettatori, ma come protagonisti e cointeressati, nel processo di integrazione europea.